Farmaci e test contro il cancro

Farmaci e test contro il cancro

CARCINOMA DELL'OVAIO NEL MIRINO

Sono efficaci i due nuovi farmaci impiegati come terapia dopo la chemio per le pazienti colpite dal tumore dell'ovaio. Spesso si opta infatti per una cura mirata a ottenere una remissione a lungo termine, chiamata “di mantenimento” perché statisticamente il 70% delle pazienti con malattia avanzata va incontro a una recidiva entro due anni

Share

Sanitadomani.com – OLAPARIB e BEVACIZUMAB: due nomi difficili da pronunciare ma che possono salvare vite umane.
Sono infatti due farmaci utilizzati per il temibile cancro ovarico, che di recente hanno ottenuto la rimborsabilità dal SSN.
La terapia con Olaparib potrà essere somministrata a pazienti in stadio avanzato, in combinazione con Bevacizumab, nel trattamento di mantenimento di prima linea.
Per il tumore dell’ovaio infatti dopo la chemioterapia spesso si opta infatti per una terapia mirata a ottenere una remissione a lungo termine, chiamata “di mantenimento” perché statisticamente il 70% delle pazienti con malattia avanzata va incontro a una recidiva entro due anni.

Nello studio Paola I, pubblicato sul New England Journal of Medicine- spiega Nicoletta Colombo che ne è coautrice – la combinazione dei due farmaci ha ridotto il rischio di progressione della malattia o morte del 67%. Si è inoltre osservato che i vantaggi sono presenti nella popolazione HRD positiva, ma non in quella negativa al test HRD (Homologous Recombination Deficiency).
Un marcatore questo che può essere molto importante nel diagnosticare tempestivamente il cancro dell’ovaio
, assieme a quello per le mutazioni BRCA, ma che attualmente in Italia è disponibile solo in pochi centri e non è rimborsato dal sistema sanitario nazionale.
L’esame clinico, che è un test genomico, consente di individuare, in buona parte dei casi, l’esistenza di un potenziale rischio.

La priorità ora è diffondere proprio questo test HRD, che può identificare le altre anomalie-bersaglio per questi farmaci.
L’appello della Ricerca è quindi di accelerare i tempi della scienza e dei regolamenti, pensando alle migliaia di donne che ogni giorno ricevano una diagnosi di cancro ovarico e che potrebbero da subito essere curate meglio e avere una speranza in più.

close
Share
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi