Tumore al fegato, sdoppiato l’organo

Tumore al fegato, sdoppiato l’organo

Lo straordinario intervento condotto a Pisa

Share

Sanitadomani.com – PISA:  Un tumore al fegato con 35 lesioni metastatiche operato con una strategia chirurgica innovativa, messa in atto per la prima volta al mondo all’ospedale Cisanello di Pisa. L’équipe medica, godata dal dottor Lucio Urbani, ha operato in due tempi, riuscendo a suddividere il fegato in due sezioni. Da un organo malato, la giovane paziente si è trovata ad averne due, sani.

L’intervento di rimozione di tumore al fegato

Il quadro clinico della paziente era piuttosto complesso: il fegato mostrava 35 lesioni metastatiche,  distribuite in entrambi i lobi, ed c’era anche un tumore primitivo del colon. Non c’era alcuna possibilità di operare l’asportazione contemporanea dei due tumori, per cui si è predisposta una operazione secondo uno schema mai provato prima in nessun ospedale del mondo.

Il Gruppo multidisciplinare per la Chirurgia epatica del risparmio d’organo – di cui responsabile è il dottor Urbani – ha quindi deciso di procedere concentrandosi sugli 8 segmenti da cui è composto il fegato. Nel primo tempo dell’intervento, i medici hanno eseguito una bipartizione epatica, asportando i segmenti centrali interessati dalle metastasi. Così anno potuto effettuare la bonifica del fegato di sinistra con l’asportazione del tumore primitivo. Poi è stato fatto crescere l’unico segmento libero da malattia dei quattro che compongono il fegato di destra, tramite embolizzazione portale.

La seconda parte dell’intervento

A questo punto, ha avuto luogo la seconda parte dell’operazione. E’ stata eseguita la bonifica del fegato di destra,  asportando tre dei quattro segmenti del fegato di destra trattati con l’embolizzazione. Un intervento estremamente complesso, anche per la paziente; durante questa fase, le funzioni vitali erano sostenute dal fegato di sinistra già ripulito durante la prima parte dell’operazione.

E’ così che sono apparsi i due fegati, entrambi liberi da metastasi.

Il proseguimento delle cure

La paziente è riuscita a superare l’operazione, ed ora può sottoporsi ai trattamenti medici chemioterapici. I risultati e il proseguimento dell’evoluzione della malattia dipenderanno dalla risposta a questi; ma anche in caso di recidiva, la presenza dei due fegati permetterà un nuovo intervento.

Ovviamente i risultati nel medio-lungo termine dipenderanno dalla risposta ai trattamenti sistemici ma, in caso di ripresa di malattia, la probabilità di poter beneficiare di ulteriori trattamenti chirurgici rimane ancora concreta grazie alla presenza dei due fegati

 

close
Share
CATEGORIES
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi