Sanitari ucraini nei nostri ospedali

Sanitari ucraini nei nostri ospedali

UN DECRETO DA REPLICARE SUBITO

Un decreto analogo a quello emanato dal Governo per l'emergenza profughi sarebbe necessario anche per abbattere i muri che impediscono di poter lavorare in Italia a medici, infermieri e operatori socio sanitari specializzati in altri Paesi. Una risposta urgente che il mondo della sanità italiana attende alla luce della sempre più grave carenza di personale.

Share

Sanitadomani.com – Roma. E’ oramai noto a tutti (eccetto, forse, al Ministero della Sanità) che negli ospedali italiani manchino medici e infermieri in numero adeguato per garantire ai pazienti e agli utenti l’efficienza di tutte le attività.
Il nostro Governo, proprio nei giorni scorsi, nel decreto ‘Misure urgenti’ per i profughi della guerra in Ucraina ha anche consentito che il personale medico e infermieristico sia occupato nelle nostre strutture sanitarie.
Nei luoghi di cura, pubblici o privati, si potranno quindi stipulare, sino al 4 marzo 2023, contratti di lavoro con medici ed infermieri ucraini.

DECRETO DA RICOPIARE
EQUIPARANDO I TITOLI

Quanto il Governo ha, giustamente, decretato tendendo una mano di solidarietà ai profughi ucraini è molto importante sul piano umanitario.
E non è assolutamente in discussione il fine del provvedimento che è più che dovuto.
Il decreto con il quale il Governo ha dato una tempestiva risposta di solidarietà, però, andrebbe certo replicato anche per abbattere i muri alzati nei confronti dei medici e degli infermieri specializzati in altri Paesi e che non possono lavorare in Italia.
La soluzione politica risponderebbe ad un’emergenza che riguarda la carenza di persone delle strutture che si occupano della salute dei cittadini.
Da tempo associazioni di categoria e mondo sanitario chiedono che il Governo Italiano riconosca l’equiparazione dei titoli acquisiti anche in altri Paesi extracomunitari.
C’è da augurarsi che il Ministero della Sanità si attivi in tal senso.

close
Share
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi