IN OSPEDALE CI SI AMMALA!

IN OSPEDALE CI SI AMMALA!

LO CONFERMANO I DATI DELL'OMS

Nei reparti di terapia intensiva non va meglio e i casi di infezione arrivano al 30%. Questi sono alcuni dei dati pubblicati nel rapporto "Global report on infection prevention and control" emanato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Share

Sanitadomani.com – GINEVRA. In ospedale ci si ammala. E non è un paradosso.
Le infezioni che si contraggono in ambiente ospedaliero sono infatti elevatissime se addirittura 1 su 10 di chi si è infettato muore, sia esso paziente, operatore sanitario o ospite in visita nella struttura.
Nei reparti di terapia intensiva non va meglio e i casi di infezione arrivano al 30%.
Questi sono alcuni dei dati pubblicati nel rapporto “Global report on infection prevention and control” emanato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

A RISCHIO RICOVERATI
VISITATORI E SANITARI

La soluzione sta nell’implementare programmi di prevenzione e controllo delle infezioni in ambiente sanitario, incentivando anche semplici pratiche che vanno dal lavaggio delle mani al corretto utilizzo degli antibiotici alla gestione dell’igiene negli ambienti sanitari.
Una prevenzione, continua il rapporto, che interessa solo la metà dei Paesi del mondo dove sono attivi programmi di questo tipo, ma che, anche laddove sono presenti, raggiunge i criteri di efficienza minimi richiesti solo nel 3,8% dei casi, con un enorme differenza tra i Paesi ad alto reddito e quelli a basso e medio reddito.
L’Oms non stila un elenco delle Nazioni più a rischio, ma dice che il fenomeno è di gran lunga minore nei Paesi ad alto reddito. Speriamo che l’Italia sia tra questi!

close
Share
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi