Ictus e infarto, colpevole il sale

Ictus e infarto, colpevole il sale

LO STIPENDIO MENSILE ERA IL SALE

Quasi 10 grammi al giorno invece di 5. L'ideale per star davvero bene è di 3 grammi. In Italia il consumo giornaliero di sale è quasi il doppio rispetto a quello raccomandato dalle linee guida della Società Europea di Cardiologia

Sanitadomani.com – MILANO. Il sale, un prezioso minerale che addirittura nell’antica Roma veniva dato come paga giornaliera (da qui la parola salario), può causare seri danni al nostro organismo se consumato in eccesso. Il primo organo a farne le spese è il cuore, con conseguenze serie in termine di ipertensione, infarti e ictus. Ma sarebbe sufficiente ridurre di un grammo al giorno la quantità che consumiamo per limitare i danni.

NOI ITALIANI NE INGERIAMO
IL DOPPIO DEL NECESSARIO

In Italia il consumo giornaliero di sale è quasi il doppio rispetto a quello raccomandato dalle linee guida della Società Europea di Cardiologia: in media 9,5 grammi al giorno rispetto ai 5 grammi consigliati.
Una dose perfetta per condurre gli impulsi nervosi, contrarre e rilassare i muscoli e mantenere il corretto equilibrio di acqua e minerali.
Altri Paesi non si comportano meglio.

CINESI I PIÚ COLPITI
PER IL CIBO SALATO

In Cina ad esempio il consumo medio è addirittura di 11 grammi (pensiamo a quanto sono salati i cibi cinesi o la sola salsa di soia ad esempio) e le malattie cardiovascolari sono infatti in preoccupante crescita.
Ciro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC), in occasione dell’apertura del congresso della Società Europea di Cardiologia, a Barcellona ha proprio fatto il punto su questa situazione, sottolineando che, se si raggiungesse l’obiettivo dell’OMS di abbassare il consumo di sale di 3,2 grammi al giorno entro il 2025, si preverrebbero circa 14 milioni di casi di ictus e malattie cardiache.
Malattie che invece continuano ad essere la principale causa di morte.

close
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi