Gravissima deformità alla colonna vertebrale; dall’Ucraina al Rizzoli di Bologna

Gravissima deformità alla colonna vertebrale; dall’Ucraina al Rizzoli di Bologna

Share

Sanitadomani.com – BOLOGNA: Una storia di solidarietà che culmina con l’intervento correttivo per una grave deformità alla colonna vertebrale. La vicenda a lieto fine vede come protagonista una ragazza ucraina di 15 anni e l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, che è riuscito a rimettere in linea la schiena.

Un ponte di solidarietà fra l’Ucraina e l’Italia.

La ragazza, cresciuta in orfanotrofio, da bambina si è ammalata di tubercolosi; dai polmoni, l’infezione è arrivata fino alla schiena. Questo ha causato una grave deformità alla spina dorsale, che ha limitato la crescita armoniosa del corpo, nonché la deambulazione.

La vicenda comincia a cambiare percorso quando la ragazzina arriva in Italia per passare l’0estate presso una famiglia, che partecipa a un progetto di solidarietà internazionale. Sono le persone che la ospitano, a contattare Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo Oncologico e Degenerativo. “La schiena con una deformità tra le più gravi che abbia mai visto” ha confessato il dottore.

I medici del Rizzoli hanno somministrato una terapia antibiotica, piuttosto lunga, sotto monitoraggio condiviso con Pierluigi Viale, direttore delle malattie infettive del Policlinico Sant’Orsola; sono stati coinvolti anche i medici ucraini che avevano in cura la ragazza in patria.

L’intervento per curare la deformità alla colonna vertebrale

Alla fine l’infezione è vinta, ma ormai le vertebre del passaggio dorso-lombare sono distrutte; si saldano quindi in modo deforme. Questo causa anche una compressione del midollo, procurando continui dolori e mettendo a rischio la funzionalità delle gambe.

Il Rizzoli quindi prepara l’intervento chirurgico, che viene momentaneamente ritardato a causa della pandemia. La situazione della giovane paziente però era in continuo peggioramento, perciç dopo poche settimane Gasbarrini riesce a effettuare l’operazione.

“La situazione continuava a peggiorare e non era possibile aspettare ulteriormente – racconta il medico -. Il rischio paralisi era incombente e il caso è stato uno dei cosiddetti indifferibili che abbiamo curato nel pieno dell’emergenza Covid nella primavera del 2020”.

Una vertebrectomia quindi, che ha rimosso la vertebra cuneizzata e l’ha sostituita con una protesi in titanio. Un intervento di otto ore, che pochi altri centri in tutto il mondo sono in grado di affrontare. Poi la colonna vertebrale della ragazza è tornata dritta e il midollo spinale perfettamente funzionante.

Quest’estate quando è tornata al mare in Italia, accolta dalla sua famiglia delle vacanze, ha inviato un video ai medici del Rizzoli per illustrare la sua nuova forma.

Share
CATEGORIES
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi