CURE POLMONARI SENZA BISTURI

CURE POLMONARI SENZA BISTURI

AVANGUARDIA TECNOLOGICA ALLO IEO

Nuova Unità di Pneumologia Interventistica per offrire un percorso diagnostico e terapeutico d’avanguardia nella medicina polmonare. Oggi il servizio, di cui è responsabile la Dott.ssa Juliana Guarize, è disponibile per chiunque abbia un disturbo o un sospetto di malattia dell’apparato respiratorio.

Sanitadomani.com – Per due anni si è lottato contro il Covid.
La popolazione si è giustamente preoccupata e tutelata al fine di non contrarre il virus.
Le strutture sanitarie sono state semi-paralizzate sempre a causa della pandemia, ma tutto questo a discapito della diagnostica e della prevenzione di molte altre gravi malattie. 
L’attività di medicina preventiva è stata pericolosamente ridotta: da una parte gli utenti che temevano di avvicinarsi alle strutture ospedaliere, quasi tutte trasformate in centri covid, dall’altra il sistema sanitario che non poteva assicurare esami in tempi rapidi avendo anche chiuso i poliambulatori.

LE PATOLOGIE POLMONARI
SONO STATE TRASCURATE

Mentre si combatteva il Covid, mille altre patologie sono aumentate, ma in particolare i tumori.
 La parola d’ordine di tutti gli ospedali e i centri chirurgici, negli ultimi mesi, è operare subito le persone che sono state rinviate nel tempo e ridurre al massimo i tempi di attesa per eseguire gli esami diagnostici.
C’è, però, chi ha fatto un ulteriore passo in avanti sia dal punto di vista della diagnostica, sia da quello dell’interventistica sul fronte dei tumori polmonari.

LO IEO SCENDE IN CAMPO
CON NUOVE TECNOLOGIE

Ci riferiamo all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, IEO, che ha attivato un nuovo reparto di Pneumologia dotato di tecnologie e metodiche oggi definibili straordinarie.
La nuova unità di Pneumatologia Interventistica, inaugurata allo IEO, offre un percorso accelerato, indolore e mini invasivo con cure senza bisturi.
L’attenzione medico-scientifica e l’innovativa tecnologica è rivolta alla diagnosi e cura di qualsiasi patologia colpisca l’apparato respiratorio.

“L’ Istituto Europeo di Oncologia inaugura la nuova Unità di Pneumologia Interventistica per offrire un percorso diagnostico e terapeutico d’avanguardia nella medicina polmonare, basato su dieci anni di esperienza clinica e ricerca scientifica” spiegano dallo IEO aggiungendo che “l’attività è iniziata infatti nel 2011 per i pazienti IEO che afferiscono alla Chirurgia Toracica, raggiungendo 1000 procedure interventistiche annuali, il numero più alto in Italia, secondo i dati del Ministero della Salute (Agenzia Nazionale per i Servizi   sanitari regionali). Da oggi il servizio è disponibile per chiunque abbia un disturbo o un sospetto di malattia dell’apparato respiratorio“.

TERAPIE MEDICHE
NON CHIRURGIA

“Parallelamente alla diagnostica, si è fortemente sviluppata in questi dieci anni l’attività terapeutica, che ha l’obiettivo di evitare, ove possibile, la chirurgia.
Ad esempio per disostruire bronchi e trachea utilizziamo la broncoscopia rigida con trattamento laser delle lesioni, ed eventuale posizionamento di stent.

O ancora, per la diagnosi delle possibili cause di un versamento pleurico recidivante o in casi di malattia oncologica metastatica, ricorriamo alla pleuroscopia, procedura simile alla laparoscopia eseguita nel torace.
Come per la diagnostica, le procedure terapeutiche sono eseguite in sedazione profonda, senza dolore per il paziente” aggiunge la Dott.ssa Juliana Guarize, responsabile dell’Unità”.

COME LA TECNOLOGIA
AIUTA LA MEDICINA

“Oggi, grazie anche a tecnologie di ultima generazione, ogni dubbio diagnostico può essere risolto in pochi giorni. Senza alcun dolore: allo IEO, infatti, le broncoscopie vengono eseguite sempre in sedazione profonda” sottolinea la dottoressa Guarize.
Allo IEO, infatti, è in sperimentazione anche un’apparecchiatura particolarmente innovativa.
Si tratta del navigatore elettromagnetico, che utilizza una tecnologia di tracciamento elettromagnetico per individuare e marcare anche le più piccole lesioni polmonari.
Questo strumento sfrutta la TAC del torace del paziente come mappa in tre dimensioni dei polmoni per condurre in “real time” il broncoscopio alla zona target dove prelevare campioni di tessuto.

 

close
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi