Testamento biologico, dopo 3 anni mancano risposte

Testamento biologico, dopo 3 anni mancano risposte

Share

Sanitadomani.com – ROMA: La Legge sul testamento biologico compite tre anni, ma la gestione burocratica è ancora complicata.

Lo denuncia l’Associazione Luca Coscioni, realtà fortemente impegnata nella tutela del diritto alla salute e quindi anche all’autodeterminazione. Assieme a loro Giuditta Pini, del Partito democratico; proprio oggi 14 dicembre, terzo anniversario dall’approvazione in via definitiva, l’onorevole ha depositato  un’interrogazione al Ministero della Salute.

COME LASCIARE IL PROPRIO TESTAMENTO BIOLOGICO

Chi vuole accedere al testamento  biologico deve presentare una DAT, Disposizione Anticipata di Trattamento. Tali documenti devono essere depositati presso i Comuni. Proprio questo passaggio è oggetto di discussione. Dopo tre anni, non è ancora possibile attraverso i Comuni effettuare una videoregistrazione della  propria DAT. Una mancanza grave, che va a colpire le persone più fragili, che non sono in grado di redigere graficamente un documento

Non è neppure chiaro quante siano le disposizioni al momento registrate. Una relazione al Parlamento dell’aprile 2019 riportava il dato di 62.030 DAT nei soli Comuni; mancavano quelle depositate dai notai e presso le autorità consolari. Inoltre mancano i dati relativi ai territori di provenienza, non permettendo quindi di capire dove e se esistano problematiche in questo senso

 

LA DOCUMENTAZIONE PER LA DISPOSIZIONE

Ufficialmente, non esiste un documento fac-simile per fare la richiesta. Un modulo è diffuso sul sito dell’associazione Luca Coscioni http://www.associazionelucacoscioni.it; finora i download sono stati oltre 60mila.

 “La conquista di civiltà nell’ampliare le libertà dei cittadini  è ancora adesso depotenziata nei suoi effetti da una gestione burocratica e formalistica della legge”. Così dichiarano Filomena Gallo, Segretario, e Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni. “Il fatto che l’Associazione abbia consegnato il modulo del testamento biologico a un numero di persone così alto dà l’idea di come l’effettiva applicazione della legge sia ricaduta su associazioni e cittadini. E’ completamente mancata la indispensabile opera di informazione dei medici e di tutta la popolazione, pur essendo prevista dalla legge stessa”.

close
Share
CATEGORIES
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi