Trapianto di fegato, al Niguarda usano un “clone” in 3D

Trapianto di fegato, al Niguarda usano un “clone” in 3D

Share

sanitadomani.com – MILANO: La ricostruzione con stampante in 3D dell’intero organo, per facilitare un trapianto di fegato da figlio a padre. Così hanno agito i chirurghi dell’ospedale Niguarda di Milano al momento dell’esecuzione del trapianto da donatore vivente.

Un paziente infatti aveva bisogno di un trapianti di rene in tempi molto rapidi, e i due figli si sono resi disponibili all’operazione. L’intervento prevede l’asportazione di circa la metà dell’organo, da trapiantare nel soggetto sofferente.

Per affrontare l’intervento nel migliore dei modi, l’équipe guidata dal professor Luciano De Carlis ha realizzato un “clone” in 3D del fegato da trapiantare. Questo ha permesso di portare a termine con successo una operazione unica nel suo genere.

La scoperta di anomalia per il trapianto di rene

Quando i figli del paziente si sono offerti per il trapianto, e quindi i chirurghi hanno realizzato un modello tridimensionale del fegato dei due possibili donatori. I “cloni” avevano una consistenza similari ai tessuti umani, grazie a un gel biosimilare; erano in scala 1:1 per peso e per totalmente fedele anatomia dei vasi e delle strutture. Per ottenere questo risultato, i medici hanno incrociato dati della risonanza magnetica e della TC del fegato del donatore.

“Sono stati stampati gli organi di entrambi – spiega Luciano De Carlis, Direttore della Chirurgia Generale e dei Trapianti-. Solo così ci si è resi conto che uno dei due figli presentava un’anomalia che probabilmente avrebbe impedito la buona riuscita dell’intervento; così si è optato per il secondo. La possibilità di avere a disposizione sia il modello 3D dell’organo sia l’estratto dell’albero circolatorio dei vasi irroranti e delle vie biliari è stato di grande utilità. Non solo per le fasi preparatorie dell’intervento ma anche come riscontro in più durante lo stesso; l’operazione richiede procedure molto delicate di isolamento dei vasi sanguigni e delle vie biliari dell’organo da prelevare. Avere a portata di mano la ricostruzione in scala 1:1 dell’organo durante l’intervento per osservare i riferimenti anatomici, riprodotti fedelmente, ha facilitato le diverse fasi del prelievo”.

Il centro di competenza per le stampe 3D

Il successo chirurgico è stato possibile grazie alla collaborazione con “Printmed-3d”, il primo Centro di competenza lombardo di stampa 3D e realtà virtuale per la medicina personalizzata. Coordinato dall’Università degli Studi di Milano, dal Centro Interdisciplinare Materiali e Interfacce Nanostrutturati e dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

L’obiettivo del Centro è quello di divenire una infrastruttura per lo sviluppo di soluzioni abilitanti per la medicina personalizzata e la formazione specialistica.

Naturalmente, è stato possibile procedere con la ricostruzione in 3D perché si trattava di un intervento programmato. Ma è una strada che permette di affrontare interventi sempre più evoluti in termini di preparazione nell’ambito di resezioni epatiche complesse per patologia tumorale.

Il trapianto di fegato con donazione da vivente

La struttura milanese nel 2001 è stato il primo centro ad avviare il programma per questo tipo di trapianti in Italia in pazienti adulti. E’ un metodo che sfrutta la rigenerazione del fegato, e ovviamente permette di abbreviare i tempi d’attesa per la donazione.

In questi 20 anni, i chirurghi del Niguarda hanno effettuato oltre 110 trapianti di fegato da vivente. Lo storico totale dei trapianti di fegato realizzati a Niguarda, a partire dall’anno 1985, supera il tetto dei 2.300 interventi.  Si tratta di una delle casistiche più ampie a livello nazionale che poggia sullo sforzo congiunto di tutto il personale sanitario e tecnico di sala operatoria e dei reparti dove i pazienti vengono preparati e seguiti dopo l’intervento. 

Share
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi