MAMME, C’È L’OSTETRICA A DOMICILIO

MAMME, C’È L’OSTETRICA A DOMICILIO

Share

Pregnant woman holding ultrasound report at home. Mature lovely pregnant woman looking at sonogram image of her baby. Close up hands of woman looking at baby in ultrasound image x ray.

SANITADOMANI.COM – VARESE. Una volta si partoriva in casa, poi si è passati alla ospedalizzazione di uno degli eventi più naturali e oggi si ritorna al passato, ma con un innovativo progetto pilota: “Ostetrica di famiglia”, tra le prime esperienze  di questo tipo in Italia.
In un territorio di dodici comuni che fanno capo alla sede territoriale di Sesto Calende (ASST Sette Laghi) e che comprende i presidi ospedalieri di Varese, Cuasso al Monte, Tradate, Cittiglio, Luino e Angera, da pochi giorni le donne in “dolce attesa” possono esprimere la loro adesione all’iniziativa.
Si tratta di un servizio a domicilio, in cui l’ostetrica debitamente formata si reca a casa della donna, fornendo assistenza nelle ultime settimane prima del parto.
In questo modo vengono valutate le condizioni cliniche della gestante e rilevati i segni che precedono il travaglio.
In occasione del primo accesso in uno degli ambulatori ostetrici dell’ASST dei Sette Laghi, se il ginecologo valuta la gravidanza a basso rischio, alla donna viene proposto di aderire al progetto.
Le vengono, quindi, programmati tutti i controlli ostetrici previsti negli ambulatori dell’Ospedale di Angera o nel Consultorio di Sesto Calende, rispettando la scelta della donna.
In queste due sedi vengono inoltre organizzati i corsi di accompagnamento alla nascita rivolti alle gravide inserite nel progetto.
Intorno alla 37esima settimana di gestazione, poi, viene attivata la reperibilità telefonica di un’ostetrica in servizio all’Ospedale di Angera o al Consultorio di Sesto Calende, che provvede anche a fissare la visita domiciliare.
Lo scopo è quello di limitare al minimo dubbi e paure che spesso rappresentano un momento stressante per la donna, facendo diventare il parto un momento naturale e il più possibile sereno. L’Ostetrica infatti si reca a casa della futura mamma con tutto il materiale necessario per la valutazione del benessere materno e fetale, per eseguire un’approfondita visita ostetrica e per l’assistenza materna e neonatale nel caso si verificasse un parto precipitoso.
Obiettivo del progetto è quello di puntare sulla sinergia tra ospedale e territorio, una delle particolarità che caratterizzeranno sempre più in futuro il mondo della sanità.
“Questo progetto – ha precisato il dott. Gianni Bonelli, direttore generale dell’Asst Sette Laghi – è il frutto di un bel gioco di squadra tra l’azienda e le istituzioni del territorio. Tengo a ringraziare l’associazione Amor, che vuole dare un contributo importante all’iniziativa”.
In supporto al progetto l’associazione si è infatti impegnata in una raccolta fondi.

 

 

Share
CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi